Monthly Archives: | novembre, 2013

Labbra: Come proteggerle e mantenerle giovani!

Ciao a tutti oggi vi voglio parlare di come proteggere le labbra. Le labbra esprimono sensualità e per questo possono esercitare sugli altri una notevole attrazione, ma come si fa ad avere una bocca morbida, sensuale, praticamente al bacio? Proteggere la pelle delicata delle labbra è la prima cosa da fare. La pelle delle labbra è molto delicata e non contiene emollienti naturali prodotti dalle ghiandole sebacee. Per questo motivo si disidratano e si screpolano con molta facilità e diventano vulnerabili  alle aggressioni dei fattori esterni, si possono proteggono tenendole sempre idratate. Di giorno, l’ideale e usare il burro cacao o un gloss; di sera meglio un rossetto che contiene un idratante, ma d’inverno quando le sentite “secche” e si screpolano facilmente, bisogna proteggetele di più. Prima di uscire, e parecchie volte mentre siete fuori, proteggetele con uno stick emolliente. Le labbra non lo trattengono, quindi rimettetelo ogni volta che mangiate, bevete o vi strofinate le labbra. Anche un rossetto cremoso aiuta ad ammorbidire le labbra già screpolate, dà un po’ di protezione e aiuta a prevenire le screpolature. Un rossetto non si limita a colorare più o meno intensamente le labbra, (più è scuro il rossetto maggiori sono i pigmenti colorati e più a lungo durerà sulle labbra),ma contiene fattori emollienti e idratanti che rendono le labbra morbide, e molto spesso fattori protettivi, una vera barriera contro l’inquinamento atmosferico e contro i raggi UVA. I migliori prodotti per le labbra screpolate, sono quelli che contengono fra gli altri ingredienti, la cera d’api. La lanolina è un vero toccasana per le labbra disidratate, si trova in farmacia. L’ideale è stenderla la sera sulle labbra struccate e lasciarla agire tutta la notte. Anche l’olio di mandorla, l’olio di germe di grano, la vasellina e il mentolo rendono le labbra morbidissime. Prima di stendere il rossetto, spazzolate le labbra per eliminare le pellicine. Anche il sole brucia le labbra e provoca secchezza e desquamazione, proprio come al resto del corpo. Per proteggervi dai raggi del sole sia in montagna che al mare, è indispensabile proteggere le labbra con un lipgloss o con un burro cacao che contenga filtri solari e difenda dai raggi UVA. Anche il contorno delle labbra, come quello degli occhi, è soggetto all’ invecchiamento . Le rughe che segnano il contorno della bocca offuscano la freschezza del viso e quindi  per mantenerlo il più a lungo giovane è bene averne cura seguendo dei piccoli ma basilari consigli: Struccate sempre le labbra accuratamente. Una volta alla settimana eseguite una delicata esfoliazione con latte detergente e un po’ di zucchero. Eviterete in questo modo che la pelle del contorno si ispessisca, invecchiando l’aspetto delle labbra, e che si formino dei comedoni. Quando applicate la crema idratante sul viso, massaggiatela anche sulle labbra con leggeri movimenti rotatori. Anche se non vi truccate, abituatevi a mettere sempre, mattino e sera, soprattutto d’inverno, del burro cacao. Seguendo questi semplici consigli avrete sempre delle labbra perfettamente morbide. Provate e scrivetemi il vostro parere ;)

Come avere mani morbide e vellutate….

Ciao a tutti oggi vi voglio parlare delle mani, ora che è freddo spesso e volentieri sono screpolate e arrossate nonostante si portino i guanti. Vediamo come fare per prenderci cura della mani in maniera corretta così da averle sempre morbide e vellutate.  Le mani possono parlare di noi, rivelano svariate cose di noi, per alcuni l’età per altri il futuro e anche il carattere.  Le Mani sono sempre in evidenza eppure sono spesso trascurate, ma si può fare molto per migliorare il loro aspetto curando il rossore e le screpolature, aumentando l’agilità e la forza. Una buona regola è evitare l’acqua calda, i detersivi e i solventi forti per le pulizie domestiche. Le mani si screpolano quando viene tolto il grasso di protezione della pelle. Lavarsi le mani con un sapone sbagliato significa privare la pelle della sua naturale umidità. Quindi non usate mai un sapone troppo aggressivo, meglio adoperare un sapone morbido, con un po’ di crema dentro, oppure a ph acido. Quando la mattina mettete una crema idratante sul viso, ricordatevi di mettere subito un po’ di crema sulle mani, fate lo stesso la sera.  Questo aiuta le mani a restare morbide e a resistere alle screpolature. L’ideale comunque sarebbe farlo dopo ogni lavaggio.Quando si abbassa la temperatura uscite sempre da casa con i guanti. La cosa principale per guarire le mani screpolate sarebbe evitare l’acqua a tutti i costi. I lavaggi ripetuti eliminano lo strato naturale di protezione della pelle, e questo secca la pelle. Invece di usare il sapone pulitevi le mani con un latte detergente, massaggiatelo fino a fare schiuma, poi toglietelo con un fazzolettino di carta. In questo modo laverete la pelle senza irritarla. Non asciugate mai le mani con gli apparecchi ad aria calda, se andate fuori portatevi una salvietta da casa. Gli asciugatori ad aria calda favoriscono la screpolatura delle mani. Se proprio dovete usarne uno, state lontane almeno venti centimetri. In giro per casa ci sono molte sostanza irritanti per le mani screpolate, mettete dei guanti di cotone bianco prima di fare qualsiasi lavoro che non richieda di bagnare le mani. Ogni volta che si sfrega la pelle che è già secca, screpolata o arrossata, si peggiora la situazione. I guanti di cotone, quindi proteggono la pelle, la lasciano libera di respirare e assorbono l’umidità. Inoltre tengono le mani pulite, cosi non si è costretti a lavarle tanto spesso, facendo perdurare in questo modo il problema. Quando invece, lavorate con l’acqua, non indossate i guanti di gomma da soli. Questo peggiora le cose, perché la gomma intrappola l’umido, impedisce alla pelle di respirare, crea un attrito eccessivo e peggiora il problema.   278-8262E’ importante quindi, indossare guanti di cotone sotto quelli di gomma e se si bagnano cambiateli immediatamente. Non usate i guanti di gomma con uno strato di cotone interno, perché è molto difficile lavarli. Invece è facile lavare separatamente i guanti di cotone, con un detergente leggero. Questi sono i consigli per prevenire la screpolatura e il rossore alle mani, mentre se avete le mani screpolate e arrossate come si fa a renderle morbide e vellulate?   Fate un peeling per eliminare lo strato superficiale di cellule morte, massaggiando il prodotto come se fosse un sapone, oppure aiutatevi con una spazzola molto morbida. Ecco come creare un ottimo peeling fatto in casa. Frullate una tazza di fiocchi d’avena fino ad ottenere una polvere molto fine, poi massaggiate le mani nella polvere, eliminando dolcemente la pelle morta.Sciacquate con acqua fredda, asciugate bene e massaggiate con la crema per mani. Anche se in generale è meglio tenere le mani  fuori dall’ acqua, quando sono screpolate, a volte è opportuno un bagno terapeutico. Unite 5 cucchiai di olio di mandorle o d’ oliva a mezzo litro di acqua. Alla fine della giornata teneteci a bagno le mani per 20 minuti per lubrificare la pelle. Sciacquate le mani con acqua tiepida, asciugate e massaggiate con la crema per mani. Quando applicate alle mani una lozione o una crema di qualsiasi tipo, applicate prima uno strato e lasciatelo agire per qualche minuto. Poi applicate un secondo strato leggero. Due strati più leggeri funzionano meglio di uno strato spesso. Dopo aver fatto il peeling e/o il bagno d’olio, la sera prima di andare a dormire, per fare  un trattamento super ammorbidente, quando la pelle è estremamente secca e screpolata, usate i guanti di cotone anche a letto. Inumidite la stoffa con un cucchiaio di vaselina in modo che i guanti non assorbano la crema dalle vostre mani. Poi quando è il momento di andare a letto applicate la crema per le mani, indossate i guanti e teneteli per tutta la notte. Il caldo generato dalle mani farà penetrare la crema in profondità. Le mani rimangono completamente bendate e possono guarire, l’importante è che al mattino non si corra automaticamente a lavare le mani, togliete l’eventuale crema rimasta con un fazzolettino di carta. Provate questi piccoli accorgimente e poi ditemi se le vstre mani sono morbide e vellutate… ;)

Formaggio di capra… tutti i benefici

Oggi vi voglio parlare del latte di capra. Il latte di capra è nutriente , saporito e anche digeribile, queste e molte altre sono le ragioni per cui il formaggio di capra merita di trovare sempre più posto sulle nostre tavole. Considerato da molti una sorta di fratello minore del formaggio di latte vaccino, in realtà è ancor più ricco di principi nutritivi. Il latte di capra con cui si si producono formagi e diversi prodotti caseari è probabilmente il più antico del mondo poichè era consumato già in tempi remoti dall’uomo, ben prima del latte vaccino. Sopratutto nelle culture del meditteraneo e del medio oriente era scelto come nutriento principale di neonati e bambini. I motivi del successo del formaggio di capra presso le civiltà antiche sono presto detti. Prima di tutto è più digeribile e magro e contiene più ferro e calcio rispetto ai prodotti caseari a base di latte vaccino. I formaggi caprini possono essere consumati anche da coloro che sono intolleranti alle proteine del latte vaccino, mentre non possono essere assunti dalle persone allergiche al lattosio. Il formaggio di capra è anche più eco friendly perchè l’allevamento delle capre è meno intensivo rispetto a quello dei bovini. I formaggi di capra sono degli ottimi sostituti rispetto a quelli vaccini dal punto di vista non solo nutritivo ma anche gastronomico. Fresco o stagionato, ciascun tipo di formaggio di capra può essere impiegato in quelle preparazioni dove altrimenti si userebbe un prodotto caseario vaccino. al momento dell’acquisto bisogna leggere bene l’etichetta per accertarsi che il formaggio sia prodotto con latte di capra e non con latte misto.