Monthly Archives: | giugno, 2015

Dare profumo alla casa in modo naturale

Lavanda, abete rosso, o un pot-pourri di rosmarino e vaniglia. Le opzioni per diffondere un aroma tutto vostro tra le mura domestiche sono tantissime, basta sapere come scerglierle. Non c’è niente di più rilassante che arrivare a casa ed essere accolti e abbracciati dal vostro profumo preferito, è una sensazione che contribuisce immediatamente al benessere complessivo dela persona.  In commercio esistono tantissimi tipi di profumi ma perchè invece non aprofittare della straordinaria varietà di erbe che ci offre la natura? Ad esempio il Monte Baldo, situato tra il Trentino e il Veneto, ospita il 43% dell’intera flora alpina ed è meta di studiosi ed appasionati  in particolare nel periodo delle fioriture.  Il consiglio  per il periodo estivo è quello di usare un profumo fresco tipo limone o i classici lavanda o menta mentre per i mesi più freddi è consigliato il pino cembro. Un profumo adatto a tutto l’anno è un mix di erba che va dal rosmarino alla lavanda con un pizzico di mente e pino cembro. Gli oli essenziali invece oltre a rendere la dimora più accogliente e personalizzata possono anche contribuire a rilassare e “coccolare” i sensi. Un profumo molto intenso lo sprigiona il pino mugo il pino cembro e l’abete rosso. Con queste essenze se si chiudono gli occhi si ha la sensazione di trovarsi in un bosco. Per rilassarsi invece va bene un olio essenziale alla lavanda o arancia o mandarino, se invece si desidera un profumo per una serata speciale per una cena a lume di candela il profumo ideale è ylang ylang o bergamotto.

97-guide-stress-rimedi-1Come diffondere il profumo per tutta la casa? Per prima cosa è bene sapere che è meglio prendere degli oli essenziali puri al 100% , in commercio esistono tanti preparati chimici e questi possono provocare mal di testa perchè le sostanze naturali sono ridotte al minimo. per diffondere il profumo per tutta la casa ci sono vari modi c’è il diffusore elettrico e quello manuale (spray) ma quello preferito è il brucia essenze. Il brucia essenze è un piccolo contenitore con sotto una candelina che scalda e fa evaporare il prodotto. Nel contenitore si mette dell’acqua e si versano poi dentro alcune gocce di olio essenziale, se la stanza è piccola bastano 2 gocce altrimenti se la stanza è di media grandezza se ne usano 3-4. La velocità di diffusione dipende dalla fiamma e anche dall’ essenza usata ad esempio la menta si sente prima della lavanda. Nei mesi invernali si possono sfruttare per la siffusione dll’essenza anche le vaschette dei caloriferi. Se si vuole fare a meno di candele o diffusori la soluzione è un pot-pourri con ad esempio delle bacche di vaniglia stecche di cannella e bastoncini di liquirizia sistemati in unca ciotola di ceramica o di terracotta.