Come capire se il gelato è buono? Ecco alcuni consigli

Ciao a tutti oggi voglio parlarvi del gelato, come fare a capire quando è buono e capire se è “vecchio”.
Il gelato è un alimento molto amato ma non tutti sanno come si produce e ancora meno che viene prodotto con le polverine che sono una miscela di latte in polvere, stabilizzanti, addensati e destrosio, base a cui poi vengono aggiunti gli ingredienti, frutta fresca.
La differenza però è su come viene fatta questa polverina; il 90% delle gelaterie le acquista già fatte da fornitori industriali, mentre il prodotto artigianale nasce dallo studio e dalla personalizzazione di questa polvere in collaborazione con uno chef mastro gelatiere.
Cerchiamo di capire come dovrebbe essere un buon gelato.
Se il gelato è troppo lucido è pieno di grassi e/o zuccheri, in particolare i grassi hanno un potere anticongelante quindi tendono a sciogliere il gelato in superficie conferendogli lucidità e questo non va bene.
Un buon gelato deve avere una trama ruvida per indicare buona qualità di aria nel gelato.
I gelati enormi che vediamo nelle vetrine senza sciogliersi sono totalmente innaturali quindi al loro interno sono presenti molti addensanti chimici e anche questo non va decisamente bene.
Il buon gelato non si deve sciogliere subito e farsi liquido in pochi secondi, inoltre non deve stimolare un’immediata sensazione di sete altrimenti vuol dire che contiene molti grassi e zuccheri.
Se il gelato è troppo freddo è ancora colpa dei grassi, il loro potere decongelante richiede che il gelato sia mantenuto a temperatura molto fredda se no appunto si squaglia subito.
Frammenti di ghiaccio nel gelato? Vuol dire che è vecchio, mal conservato, riutilizzato e ri-mantecato per cui del tutto da evitare.
Questi sono alcuni consigli per gustare un gelato buono e non prendere delle “fregature” spero vi siano utili, aspetto di sapere quali sono i vostri gusti preferiti ;)

Rimedi naturali per avere una pelle sana

Ciao a tutti , oggi voglio parlarvi dell’importanza di prendersi cura della propria pelle per contrastarne l’invecchiamento. Mantenere una pelle sana e luminosa non dona solo bellezza al proprio aspetto esteriore ma dona anche un senso di armonia con se stessi. Vi sono dei metodi naturali per mantenere la pelle sana. In natura ci sono moltissimi componenti grazie ai quali è possibile contrastare e prevenire l’insorgere delle rughe. Nei ribes, nelle mandorle amare, nel miele e nel latte fermentato, si scoprono cure di bellezza, si tratta effettivamente di componenti le cui azioni sulla pelle hanno effetti benefici e che inducono l’ eliminazione della pelle morta che si trova in superficie. Chi non ha provato un rimedio naturale della “nonna” per il mal di testa o per il mal di pancia o per migliorare l’aspetto dei capelli? Esistono anche dei rimedi naturali per mantenere la pelle sana e fresca e gli ingredienti si trovano semplicemernte daal fruttivendolo sotto casa e in erboristeria. Di seguito elenco alcuni rimedi per avere una pelle sana morbida e vellutata. rosmarino saturnostoreblogRimedio naturale a base di rosmarino: Bollire 50 g di fiori e foglie di rosmarino in un litro d’acqua bollente per dieci minuti: ogni sera va imbevuto un panno dentro al bollito e applicato sul viso e sul collo per 45 minuti. Dopo risciacquare con acqua tiepida. Questo serve per purificare la pelle del viso e del decoltè. Un rimedio contro le prime righe invece è il seguente: macerate per 15 giorni la buccia di alcune mele cotogne in sufficiente acquavite, successivamentre filtrare e conservare in una bottiglia chiusa ermeticamente. Questa lozione ricavata  va applicata sul viso con un batuffolo di cotone due volte al giorno. A lungo andare avrete degli ottimi risultati. Un altro rimedio molto buono è con lo yogurt. Applicate un vasetto di yogurt bianco direttamente sulla pelle attendete 30 minuti dopodichè risciacquatevi con acqua tiepida. L’acido lattico nello yogurt aiuta a ridurre le dimensioni dei pori, stringe la pelle e rimuove epidermide morta. Questi sono solo alcuni dei metodi naturali per avere una pelle del viso sempre sana scegliete il vostro preferito e poi fatemi sapere come va.  ;)

I punti di forza del nuovo LG D 955 G flex.

Ti presentiamo l’ultimo nato in casa LG: nuovo LG D 955 G Flex dalla forma ricurva.

L’ LG D 955 flex fa parte di una nuova linea di smartphone che si presenta ricurva,molto potente, veloce,flessibile.Questa nuova tipologia di smartphone,proprio per la sua forma assicura la visione di colori intensi e profondi, assicurando proprio per la sua forma la ricezione di un audio impeccabile.Il sistema operativo dell’ LG D 955 G flex  è basato su Android 4.2.2 e supporta reti GSM/UMTS con connettività ,EDGE,GPRS.Al suo interno è presente una fotocamera di 13 megapixel molto potente e di ottima qualità,ideale per immortalare i propri ricordi in qualsiasi condizione di luminosità.Una delle tante novità di questo nuovo smartphone è la cover autorigenerante che elimina spontaneamente i segni di usura conferendo al device un aspetto sempre nuovo.LG ha pensato per questo nuovo device un hardware molto potente al fine di raggiungere una efficentissima e fluida navigazione supportata da capacità hardware impeccabili,supportato da una memoria RAM presente al suo interno di 2GB e una memoria interna di 32GB. L’ LG D 955 G flex e corredato di funzionalità GPS,WIFI,Bluetooth,lettore MP3,Radio FM,vivavoce integrato e una potente batteria con autonomia di 100 ore in Standby e 240 mininuti in conversazione.Tutto questo rende l’ LG D 955 G flex unico nel suo genere.

Vai alla scheda tecnica del Device

Calli? come mandarli via con rimedi naturali

Oggi voglio parlarvi di come mandare via i calli con rimedi naturali. Per calli intendo dei piccoli cuscinetti di pelle che solitamente si formano sotto i piedi a causa di un continuo sfregare con superfici estranee, questi vengono prodotti dal nostro corpo per proteggere le parti di pelle abrase.                                                                       I calli sono solitamente antiestetici e a volte dolorosi. A volte si possono prende in tempo cambiando le scarpe o camminando a piedi nudi, se si ha la possibilità, fin che la callosità scompare. In altri casi invece gli è difficile farli andare via per questo motivo vi suggerisco alcuni rimedi naturali per farli scomparire.                                                                                                                                                                                   Ci sono vari rimedi il primo che vi suggerisco è questo: Prendiamo una buccia di banana e raschiamo la parte interna con un cucchiaino, schiacciamo 2 spicchi di aglio e mescoliamo tutti assieme. Applichiamo il composto sul callo e copriamo con una garza sterile e cambiare l’impacco 2 volte al giorno per un paio di giorni. Dopo 2 giorni con una pietra pomice strofiniamo il callo che dovrebbe venir via senza problemi                                                                                                                                                                                                                                                        Secondo rimedio pane e aceto:Prendiamo un pezzo di mollica di pane e ¼ di tazza di aceto. Mettiamo a bagno la mollica nell’aceto per 30 min poi la applichiamo sul callo con la garza sterile e lasciamo agire tutta la notte, al mattino sciacquiamo e grattiamo via il callo.                                                                                                                           Un altro impacco da fare è con limone e aceto. Si mescola un cucchiaino di limone uno di aceto poi si applica sul callo per qualche giorno e poi al solito si gratta via.                                                                                                                Un altro rimedio sono le bustine di te usate. Dopo aver preparato il te, prendiamo la bustina usata e la fissiamo con una garza al callo e al lasciamo agire per un ora. Ripetiamo il tutto ogni giorno per una settimana/ dieci giorni e il callo andrà via.                                                                                                                                                                             Ultimo rimedio con le foglie di edera macerate nell’aceto. Prendiamo le foglie di edera le facciamo macerare nell’aceto per 12 ore poi la applichiamo sul callo con la garza e sciacquiamo a intervalli e poi riapplichiamo l’impacco questo per 5/6 giorni.                                                                                                                                                  Questi sono dei suggerimenti per togliere i calli poi se la cosa persiste meglio consultare un medico.

 

Burrocacao, come farlo in casa

Oggi parliamo di burrocacao. Il burrocacao è uno dei cosmetici più semplici da preparare in casa e anche con un costo irrisorio.  Ecco la ricetta per creare un balsamo labbra fai da te all’olio di argan e vaniglia, con burro di karitè, olio di jojoba e cera d’api.  Seguite le istruzioni e in una decina di minuti potrai creare il tuo fantastico balsamo labbra nutriente e profumato!

 

 

Ingredienti per 4 stick:

5 grammi di olio di jojoba

3,5 grammi di burro di karitè

3,5 grammi di olio di argan

2 grammi di cera d’api

2 grammi di tocoferolo (vitamina E)

10 gocce di essenza di vaniglia

Preparazione:Metti in un piccolo contenitore l’olio di jojoba, l’olio di argan, il burro di karitè, la cera d’api e il tocoferolo. Pesa tutto con una bilancia di precisione.Puoi sciogliere il composto a bagnomaria oppure al microonde: una volta che tutti gli ingredienti sono sciolti puoi aggiungere l’essenza di vaniglia e poi versare subito il burrocacao negli stick o nei vasetti da balsamo labbra.                                                                                                           Lascia raffreddare e solidificare completamente: dopo poche ore potrai già utilizzarlo. Il risultato? Labbra morbide, ultra nutrite e lucidate.

Pizza: da eliminare nelle diete?

Ciao a tutti e buon 2014, ora che sono finite le feste (o quasi) tutte iniziamo a pensare come predere i kili presi  in più  in queste feste. Si inizia con l’eliminare pasta e carboidrati in genere ma la pizza?                                                La pizza viene spesso demonizzata quando invece è un alimento che tutti possono consumare, è ricca di carboidrati complessi, grassi buoni e proteine e rappresenta un pasto completo che anche chi è a dieta si può permettere una volta alla settimana, persino la sera.                                                                             Gli alimenti base della pizza sono per la pasta: farina, acqua, sale e lievito  mentre per il condimento pomodoro e mozzarella per cui la pizza non rappresenta nessun attentato alla dieta e non è uno di quei piatti da stare alla larga il più possibile.                                               La pizza può essere tranquillamente sostituira alla pasta e mangiata anche da chi segue un regime alimentare controllato, per esempio una pizza margherita ha 266 calorie ogni 100gr e il peso medio di una pizza tonda è di circa 300 grammi e quindi le calorie complessive di una pizza sono circa 800.                                                                 Se accompagnamo la pizza con dell’acqua e poi mangiamo un dessert di frutta la pizza può essere consumata con tranquillità e costituisce un vero e proprio pasto a sé stante.                                                                              Teniamo presente che se si decide di mangiare la pizza alla sera è utile diminuire a pranzo le calorie e soprattutto non mangiare la pasta ma puntare su un pasto a base di verdure e proteine.                                                                    E’ importante anche pensare ai condimenti della pizza e per chi è a dieta sarebbe consigliato scegliere una pizza semplice tipo la marinara , la margherita o alle verdure.  La pizza con il salamino piccante, la pizza ai quattro formaggi e tutte le pizze con più di 3 o 4 ingredienti sono più caloriche e sono invece consigliate a chi non si fa problemi di linea.  In ogni caso, se ci vogliamo  concedere una pizza ogni tanto non dobbiamo sentirci in colpa: è buonissima, fa parte della dieta mediterranea e noi Italiani siamo fortunati a poterla mangiare praticamente ovunque.

 

Biopoint Orovivo: distillati di bellezza!

Ciao a tutti oggi voglio parlarvi di un prodotto di bellezza per i capelli. Questo prodotto è della Biopoint ed è la linea orovivo.  La linea orovivo della Biopoint sono dei preziosi trattamenti dalle texture setose e sensoriali, ricchezza purissima che avvolge il capello. Con questo trattamento i capelli sono sorprendentemente leggeri, setosi e brillanti. La fragranza ambrata dal vellutato fondo di vaniglia, avvolge i capelli creando un’esclusiva esperienza sensoriale. Quale è il segreto di questa linea? Il segreto è l’olio di Argan ricco di vitamine E che fortifica i capelli donando estrema leggerezza e incredibile setosità; l’Olio di Cipero che addolcisce e dona volume ai capelli, rendendoli facilmente districabili e vellutati al tatto; l’Olio di Semi di Lino, ricco di vitamina F, che  conferisce compattezza e lucentezza al capello. Questa linea comprende Shampoo di bellezza, maschera di bellezza, Elisir di bellezza e Distillati di bellezza. Orovivo è una linea particolarmente attiva per la bellezza dei nostri capelli ed è diventata famosa grazie all’elisir di bellezza a base di olio di Argan ,che come gia detto, è un vero toccasana pe i capelli sciupati secchi ed opachi.Oggi voglio parlarvi dei distillati di bellezza.

0-6648e97d-600

I flaconcini che vedete qui a lato sono i distillati di bellezza, ovvero delle boccette da 20 ml di prodotto contenente diversi olii che si prendono cura deinostri capelli. Queste 6 boccette di prodotto dureranno per moltissime applicazioni in quanto il prodotto è molto concentrato e ne basta veramente poco per nutrire tutte le lunghezze di capelli I distillati di bellezza si applicano sui capelli umidi dopo lo shampoo e si lasciano agire qualche minuto prima di sciacquare. Anche questi come tutta la linea di Orovivo hanno una profumazione “magica” un pò dolce e un pò esotica… vermente inebriante.  Già dalla prima applicazione si nota il capello più morbido e setoso. Applicazione dopo applicazione il capello ritrova tutto il suo benessere per un risultato veramente favoloso in quanto i capelli sembrano rigenerati. A chi sono consigliati questi distillati di bellezza della Orovivo della biopoint?  Sono sicuramente consigliati a tutte le persono che hanno i capelli spenti e opachi capelli senza tono sfibrati e disidratati. Ma lo possiamo usare tutti per mantenere i nostri capelli come una favola. E consigliato anche nei cambi di stagione quando si tende a perdere più capelli. Provatelo e poi ditemi le vostre impressioni le aspetto!!! ;)

Labbra: Come proteggerle e mantenerle giovani!

Ciao a tutti oggi vi voglio parlare di come proteggere le labbra. Le labbra esprimono sensualità e per questo possono esercitare sugli altri una notevole attrazione, ma come si fa ad avere una bocca morbida, sensuale, praticamente al bacio? Proteggere la pelle delicata delle labbra è la prima cosa da fare. La pelle delle labbra è molto delicata e non contiene emollienti naturali prodotti dalle ghiandole sebacee. Per questo motivo si disidratano e si screpolano con molta facilità e diventano vulnerabili  alle aggressioni dei fattori esterni, si possono proteggono tenendole sempre idratate. Di giorno, l’ideale e usare il burro cacao o un gloss; di sera meglio un rossetto che contiene un idratante, ma d’inverno quando le sentite “secche” e si screpolano facilmente, bisogna proteggetele di più. Prima di uscire, e parecchie volte mentre siete fuori, proteggetele con uno stick emolliente. Le labbra non lo trattengono, quindi rimettetelo ogni volta che mangiate, bevete o vi strofinate le labbra. Anche un rossetto cremoso aiuta ad ammorbidire le labbra già screpolate, dà un po’ di protezione e aiuta a prevenire le screpolature. Un rossetto non si limita a colorare più o meno intensamente le labbra, (più è scuro il rossetto maggiori sono i pigmenti colorati e più a lungo durerà sulle labbra),ma contiene fattori emollienti e idratanti che rendono le labbra morbide, e molto spesso fattori protettivi, una vera barriera contro l’inquinamento atmosferico e contro i raggi UVA. I migliori prodotti per le labbra screpolate, sono quelli che contengono fra gli altri ingredienti, la cera d’api. La lanolina è un vero toccasana per le labbra disidratate, si trova in farmacia. L’ideale è stenderla la sera sulle labbra struccate e lasciarla agire tutta la notte. Anche l’olio di mandorla, l’olio di germe di grano, la vasellina e il mentolo rendono le labbra morbidissime. Prima di stendere il rossetto, spazzolate le labbra per eliminare le pellicine. Anche il sole brucia le labbra e provoca secchezza e desquamazione, proprio come al resto del corpo. Per proteggervi dai raggi del sole sia in montagna che al mare, è indispensabile proteggere le labbra con un lipgloss o con un burro cacao che contenga filtri solari e difenda dai raggi UVA. Anche il contorno delle labbra, come quello degli occhi, è soggetto all’ invecchiamento . Le rughe che segnano il contorno della bocca offuscano la freschezza del viso e quindi  per mantenerlo il più a lungo giovane è bene averne cura seguendo dei piccoli ma basilari consigli: Struccate sempre le labbra accuratamente. Una volta alla settimana eseguite una delicata esfoliazione con latte detergente e un po’ di zucchero. Eviterete in questo modo che la pelle del contorno si ispessisca, invecchiando l’aspetto delle labbra, e che si formino dei comedoni. Quando applicate la crema idratante sul viso, massaggiatela anche sulle labbra con leggeri movimenti rotatori. Anche se non vi truccate, abituatevi a mettere sempre, mattino e sera, soprattutto d’inverno, del burro cacao. Seguendo questi semplici consigli avrete sempre delle labbra perfettamente morbide. Provate e scrivetemi il vostro parere ;)

Come avere mani morbide e vellutate….

Ciao a tutti oggi vi voglio parlare delle mani, ora che è freddo spesso e volentieri sono screpolate e arrossate nonostante si portino i guanti. Vediamo come fare per prenderci cura della mani in maniera corretta così da averle sempre morbide e vellutate.  Le mani possono parlare di noi, rivelano svariate cose di noi, per alcuni l’età per altri il futuro e anche il carattere.  Le Mani sono sempre in evidenza eppure sono spesso trascurate, ma si può fare molto per migliorare il loro aspetto curando il rossore e le screpolature, aumentando l’agilità e la forza. Una buona regola è evitare l’acqua calda, i detersivi e i solventi forti per le pulizie domestiche. Le mani si screpolano quando viene tolto il grasso di protezione della pelle. Lavarsi le mani con un sapone sbagliato significa privare la pelle della sua naturale umidità. Quindi non usate mai un sapone troppo aggressivo, meglio adoperare un sapone morbido, con un po’ di crema dentro, oppure a ph acido. Quando la mattina mettete una crema idratante sul viso, ricordatevi di mettere subito un po’ di crema sulle mani, fate lo stesso la sera.  Questo aiuta le mani a restare morbide e a resistere alle screpolature. L’ideale comunque sarebbe farlo dopo ogni lavaggio.Quando si abbassa la temperatura uscite sempre da casa con i guanti. La cosa principale per guarire le mani screpolate sarebbe evitare l’acqua a tutti i costi. I lavaggi ripetuti eliminano lo strato naturale di protezione della pelle, e questo secca la pelle. Invece di usare il sapone pulitevi le mani con un latte detergente, massaggiatelo fino a fare schiuma, poi toglietelo con un fazzolettino di carta. In questo modo laverete la pelle senza irritarla. Non asciugate mai le mani con gli apparecchi ad aria calda, se andate fuori portatevi una salvietta da casa. Gli asciugatori ad aria calda favoriscono la screpolatura delle mani. Se proprio dovete usarne uno, state lontane almeno venti centimetri. In giro per casa ci sono molte sostanza irritanti per le mani screpolate, mettete dei guanti di cotone bianco prima di fare qualsiasi lavoro che non richieda di bagnare le mani. Ogni volta che si sfrega la pelle che è già secca, screpolata o arrossata, si peggiora la situazione. I guanti di cotone, quindi proteggono la pelle, la lasciano libera di respirare e assorbono l’umidità. Inoltre tengono le mani pulite, cosi non si è costretti a lavarle tanto spesso, facendo perdurare in questo modo il problema. Quando invece, lavorate con l’acqua, non indossate i guanti di gomma da soli. Questo peggiora le cose, perché la gomma intrappola l’umido, impedisce alla pelle di respirare, crea un attrito eccessivo e peggiora il problema.   278-8262E’ importante quindi, indossare guanti di cotone sotto quelli di gomma e se si bagnano cambiateli immediatamente. Non usate i guanti di gomma con uno strato di cotone interno, perché è molto difficile lavarli. Invece è facile lavare separatamente i guanti di cotone, con un detergente leggero. Questi sono i consigli per prevenire la screpolatura e il rossore alle mani, mentre se avete le mani screpolate e arrossate come si fa a renderle morbide e vellulate?   Fate un peeling per eliminare lo strato superficiale di cellule morte, massaggiando il prodotto come se fosse un sapone, oppure aiutatevi con una spazzola molto morbida. Ecco come creare un ottimo peeling fatto in casa. Frullate una tazza di fiocchi d’avena fino ad ottenere una polvere molto fine, poi massaggiate le mani nella polvere, eliminando dolcemente la pelle morta.Sciacquate con acqua fredda, asciugate bene e massaggiate con la crema per mani. Anche se in generale è meglio tenere le mani  fuori dall’ acqua, quando sono screpolate, a volte è opportuno un bagno terapeutico. Unite 5 cucchiai di olio di mandorle o d’ oliva a mezzo litro di acqua. Alla fine della giornata teneteci a bagno le mani per 20 minuti per lubrificare la pelle. Sciacquate le mani con acqua tiepida, asciugate e massaggiate con la crema per mani. Quando applicate alle mani una lozione o una crema di qualsiasi tipo, applicate prima uno strato e lasciatelo agire per qualche minuto. Poi applicate un secondo strato leggero. Due strati più leggeri funzionano meglio di uno strato spesso. Dopo aver fatto il peeling e/o il bagno d’olio, la sera prima di andare a dormire, per fare  un trattamento super ammorbidente, quando la pelle è estremamente secca e screpolata, usate i guanti di cotone anche a letto. Inumidite la stoffa con un cucchiaio di vaselina in modo che i guanti non assorbano la crema dalle vostre mani. Poi quando è il momento di andare a letto applicate la crema per le mani, indossate i guanti e teneteli per tutta la notte. Il caldo generato dalle mani farà penetrare la crema in profondità. Le mani rimangono completamente bendate e possono guarire, l’importante è che al mattino non si corra automaticamente a lavare le mani, togliete l’eventuale crema rimasta con un fazzolettino di carta. Provate questi piccoli accorgimente e poi ditemi se le vstre mani sono morbide e vellutate… ;)

Formaggio di capra… tutti i benefici

Oggi vi voglio parlare del latte di capra. Il latte di capra è nutriente , saporito e anche digeribile, queste e molte altre sono le ragioni per cui il formaggio di capra merita di trovare sempre più posto sulle nostre tavole. Considerato da molti una sorta di fratello minore del formaggio di latte vaccino, in realtà è ancor più ricco di principi nutritivi. Il latte di capra con cui si si producono formagi e diversi prodotti caseari è probabilmente il più antico del mondo poichè era consumato già in tempi remoti dall’uomo, ben prima del latte vaccino. Sopratutto nelle culture del meditteraneo e del medio oriente era scelto come nutriento principale di neonati e bambini. I motivi del successo del formaggio di capra presso le civiltà antiche sono presto detti. Prima di tutto è più digeribile e magro e contiene più ferro e calcio rispetto ai prodotti caseari a base di latte vaccino. I formaggi caprini possono essere consumati anche da coloro che sono intolleranti alle proteine del latte vaccino, mentre non possono essere assunti dalle persone allergiche al lattosio. Il formaggio di capra è anche più eco friendly perchè l’allevamento delle capre è meno intensivo rispetto a quello dei bovini. I formaggi di capra sono degli ottimi sostituti rispetto a quelli vaccini dal punto di vista non solo nutritivo ma anche gastronomico. Fresco o stagionato, ciascun tipo di formaggio di capra può essere impiegato in quelle preparazioni dove altrimenti si userebbe un prodotto caseario vaccino. al momento dell’acquisto bisogna leggere bene l’etichetta per accertarsi che il formaggio sia prodotto con latte di capra e non con latte misto.