Maschere per curare al meglio i capelli…..

Buona giornata a tutte oggi vorrei proporvi delle maschere fai da te per i capelli, per poterli curare al meglio così da averli sempre sani e splendenti. Iniziamo con uno shampoo , per prepararlo ci vogliono:                                             3 rossi d’uovo  del rhum olio di mandorle e limone. Per prepararlo pocedete in questa maniera:                                                  Sbattatete i 3 rossi d’uovo con 2 cucchiai di rhum e un cucchiaino di olio di mandorle fino ad ottenere un’emulsione cremosa.Bagnate i vostri capelli e ricopriteli con il preparato. Lasciate riposare per 5 minuti. Prendetevi il tempo per massaggiare i capelli dopo di che sciaquateli molto bene e per ultimo sciacquateli con acqua e succo di limone. Il risultato saranno capeli idratati e luminosi.Per i capelli secchi ci sono molte maschere ma quelle che mi sento di consigliarvi sono le due seguenti. Per la prima serve un rosso d’uovo del miele e dell’ olio di oliva.Mischiamo il rosso d’uovo con un cucchiaio di miele e due cucchiai di olio di oliva.Applichiamo la maschera sulle lunghezze e sulle punte copriamo il tutto con un sciugamano caldo o se preferite con della pellicola trasparente. Lasciamo in posa per 30 minuti e poi sciacquiamo con acqua tiepida meglio se fredda. Il risultato saranno dei capelli splendenti.La seconda maschera che vorrei proporvi sempre per i capelli secchi si prepara con dell’ olio di oliva olio di argan e del burro.In una ciotola, versiamo un bicchiere di olio d’oliva, un bicchiere di olio d’argan e mezzo bicchiere di burro sciolto a bagnomaria. Alla sera applichiamo la maschera sui capelli poi li avvolgiamo con della pellicola trasparente e andiamo a dormire. Al mattino gli diamo una bella sciacquata. il risultato saranno dei capelli idratati e luminosissimi. Queste due maschere per i capelli secchi sono da fare ogni 2/3 giorni. Adesso vi propongo 2 maschere per chi come me ha i capelli grassi per cui garantisco personalmente che funzionano a meraviglia ;) .440_0_1876072_150253

Per la prima maschera che vi propongo ci serve dell’argilla verde sale grosso ed acqua. Mischiamo una manciata di argilla verde con il sale grosso e aggiungiamo l’acqua fino ad ottenere un impasto denso. Applicate la maschera per 15 minuti e sciacquate abbondantamente. Potete fare l’ultimo risciascquo con aceto e acqua. I risultati di questa maschera sono davvero favolosi. L’eccessiva secrezione di sebo viene assorbita dall’argilla così i nostri capelli saranno luminosi senza risultare grassi! La seconda è ancora più semplice della prima serve dello yogurt bianco e dell’essenza di limone. Mischiamo qualche goccia di essenza di limone allo yogurt applichiamo l’impasto e lasciamo in posa per 10 minuti e poi sciacquiamo. Il limone, ottimo per dare lucentezza al capello, lo renderà meno grasso. Questa maschera fai-da te è anche ottima contro la forfora. per mia esperienza preferisco la prima che ho proposto per i capelli grassi ora provate voi quella che vi ispira di più tra quelle proposte e poi ditemi se ne siete soddisfatte…. aspetto i vostri comenti ;)

Sapone nero… delizia orientale

Il sapone nero è una prodotto tipico cosmetico del Marocco.
La cosa che subito salta all’occhio è il suo colore, marrone scuro, decisamente diverso dagli altri saponi in commercio.Il suo profumo è un altra caratteristica propria, si sente principalmente l’olio di oliva, di cui si mette a macerare proprio la qualità nera per produrre il sapone, come se fosse una marmellata, esotico e delizioso. Altra caratteristica diversa è il fatto di essere molle, non è come i comuni saponi duri, è simile ad una crema. La consistenza è dovuta dalla lavorazione dell’olio d’oliva che lascia il prodotto morbido e spalmabile.Il nome di questo sapone proviene proprio dai luoghi in cui esso veniva utilizzato, gli “hammam”, ovvero i bagni turchi dove le donne andavano a ristorarsi e purificarsi. Questo sapone infatti purifica gli strati dell’epidermide grazie alla sua azione profondamente esfoliante ma, allo stesso tempo, nutre l’epidermide, purifica le pelli più delicate e rende la pelle liascia come la seta. Tutto ciò si realizza grazie al suo elevatissimo contenuto di acidi grassi e di vitamina E che gli proviene dalla lavorazione a base di olio di oliva. Questo consente anche di tonificare i rilassamenti cutanei. Inoltre l’escoriazione consente alla pelle di respirare e rigenerarsi ritrovando la naturale morbidezza.

109199
Il sapone nero marocchino è un prodotto molto usato nei migliori hammam ( bagni turchi ) di tutto il mondo. Viene abbinato al guanto marocchino “kessa” o “kassa” per la pulizia della pelle perchè crea un gommage degno del miglior centro benessere, ed è spesso seguito da un massaggio con sapone, spesso di Aleppo.Come si usa il sapone nero? Si usa durante la doccia sulla pelle umida, si passa su tutto il corpo e si massaggia dolcemente, si lascia agire per un 5-6 minuti e si risciacqua con acqua calda, dopo si passa all’azione del guanto con leggeri massaggi che conclude la pulizia della pelle. Il sapone nero del Marocco si può usare anche sul viso contro l’acne più aggressiva, peli incarniti presenti sul corpo, disidratazione e perdita di elasticità. Per chi vive in città purificarsi col sapone nero di Hammam può diventare un vero e proprio rito perché questo particolare sapone riesce anche a purificare i pori dall’inquinamento.Dove possiamo trovare in commercio il sapone nero? Lo trovate QUI   Provatelo e poi ditemi le vostre impressioni vi aspetto  ;)

 

Bruschette: semplici e gustose!

Niente di più semplice, niente di più gustoso. La bruschetta è uno stuzzichino che può trasformarsi in un ricco antipasto o comporre il menu di un pranzo leggero.La bruschetta nsce nel centro Italia,quando gli agricoltori cercavano di conservare il pasto avanzatoe cosi si è diffusa la tradizione del pane rustico abbrustolito. In particolare è in Campania che da secoli si prepara la bruschetta grazie alla grande produzione regionale di pomodori. Il nome bruschetta si dice che derivi dalla brusca e cioè la spazzola che si usa  per pulire i cavalli e i buoi dal pelo in eccesso, un oggetto che richiama la bruschetta nella forma e nella ruvidezzadella sua superficie.Sono tante le regioni italiane che conservano una tradizione secolare specifica della preparazione di questo antipasto, ma l bruschetta più conosciuta è quella toscana, chiamata “fetunta”, che si prepara strofinandola con uno spicchio di aglio e poi condendola con olio extra vergine d’oliva, sale e pepe. D’altra parte le tipiche bruschette italiane sono sempre adornate da spicchi di pomodori o cigliegini. I piatti più buoni sono anche quelli più semplici , ma seguendo la ricetta tradizionale la vostra bruschetta avrà sicuramente un gusto speciale. Procuratevi del pane rustico il migliore è quello toscano privo di sale. Tagliate 4 fette di pane spesse circa un centimetro poi prendete quattro pomodori maturi, uno spicchio d’aglio, olio extra vergine d’oliva, sale, pepe, e qualche foglia di basilico. Dopo aver lavato i i pomodori fateli scottare per pochissimi minuti in acqua bollente,quindi sgocciolateli e toglietegli la buccia, tagliateli ed estraete semi e liquido interno.Dopo aver tagliato o pomodori a dadini metteteli in un piatto ed aggiungete il basilico , condite il tutto con olio sale e pepe mescolate bene e lasciate riposare per un ora. Nel frattempo abbrustolite le fette di pane su una griglia. Una volta pronto il pane potete preparare voi le bruschette e servirle o mettere gli ingredienti direttamente a tavola e ogniuno prepara la sua.

mega-bruschetta-al-lardo

Se invece volete una bruschetta con il gusto più deciso preparatela con il lardo. Prendete 150 grammi di lardo affettato e otto fette di pane rustico, ponete su quattro fette di pane qualche fettina di lardo cospargetevi sopra un pò di pepe e chiudete il tutto con le fette di pane rimaste . A questo punto mettete ilpane a grigliare quando sara pronto cospargetelo con un filo d’olio.

 

 

Bruschette-alle-zucchine-e-pomodoro-Copia

Per avere delle bruschette vegetariane più saporite fate in questa maniera:  prendete un tegame fateci rosolare della cipolla poi aggiungete zucchine, melanzane e peperone e fate cuocere il tutto per 5/6 minuti . A questo punto versate il preparato sul vostro pane grigliato. Queste sono solo alcune delle varianti per fare dellebruschette deliziose voi come le preparate? ;)

Capelli splendenti tutta l’estate? Ecco come fare.

Dopo un inverno passato a stressare i nostri capelli con phon, coloranti e piastra, approfittiamo dell’estate per curarli! Sappiamo bene che dobbiamo proteggere la pelle dal sole, ma anche i capelli meritano la stessa cura! Spesso in estate tendiamo a trascurarli, invece è proprio questo il periodo in cui dovremmo dedicare a loro le attenzioni maggiori: il loro nemico numero 1, infatti, è proprio il sole, il numero 2 l’acqua di mare e, ancora peggio, il cloro della piscina.
E allora cominciamo con qualche semplice mossa rigenerante. 1. Spazzolarli mattina e sera.  2. Sciacquarli  con acqua fredda per rendeli più luminosi.3.Prima di andare al mare spruzzare un protezione sulle lunghezze e sulle punte.Io uso  due ottimi prodotti per la protezione dei capelli dal sole e dal cloro e li trovate Qui  oppure Qui 4. Non fare lo shampoo tutti giorni ma solo ogni 2/3, per non indebolire I capelli. 5. Al ritorno dal mare o piscina, sciacquare i capelli per lavare via la salsedine. 6.Farsi dei massaggi al cuoio capelluto. 7. Al mare coprirsi i capelli con un cappello o un foulard. 8. Raccogliere i capelli in code di cavallo, trecce o chignon. 9. Approfittare del caldo per asciugare i capelli  naturalmente all’ombra: niente phon e niente piastra. 10. Applicare delle maschere sui capelli ogni 2/3 giorni. Per trovare la maschera più adatta ai vostri capelli andate Qui e la troverete sicuramente ;)

Ricordate: anche i vostri capelli sono in vacanza e, come voi, meritano un po’ di relax!

Granite…. delizie estive

Un alternativa gustosa a gelati e ghiaccioli è la granita. A chi non piace in un caldo pomeriggio estivo una gustosa granita per rinfrescarsi? Ecco come si può prepararle comodamente a casa con pochi ingredienti, basta utilizzare un frullatore o mixer e avere un pò di spazio nel freezer. La granita può essere fatta in tantissimi gusti di seguito ne riportero solo alcuni

Granita alla menta un classico:

Portiamo ad ebollizione 200 ml di acqua e 4 cucchiai di zucchero di canna, mescoliamo fino a far sciogliere lo zucchero e lasciamo raffreddare.Aggiungiamo 100 ml di sciroppo di menta e amalgamiamo tutti gli ingredienti; versiamoli negli stampini e facciano riposare infreezer fino al congelamento. Poi tritiamoed ecco pronta la nostra granita. Vogliamo fare  lo sciroppo alla mentain casa? Ecco come fare: fate macerare la menta in 250 gr di alcol alimentare a 95 gradi,  mescolate e filtrate dopo alcuni giorni.

 Granita al limone:

images

Versiamo un bicchiere d’acqua e 2 cucchiaini di zucchero di canna, accendiamo il fornello, portiamolo ad ebollizione e mescoliamo finché lo zucchero non sarà sciolto. Facciamo raffreddare e prepariamo a parte un bicchiere di succo di limone, mescoliamolo allo sciroppo e aggiungiamo mezzo bicchiere d’acqua fredda, versiamo il tutto in un contenitore per i cubetti di ghiaccio. Facciamo congelare, una volta congelati  per ottenere la granita tritiamo i cubetti in un mix o frullatore. Lo stesso procedimento va bene anche per la granita al pompelmo.

Una granita molto semplice da preparare è quella al caffè, basta usare del caffè , anche avanzato, ovviamente con l’aggiunta di un pò di zucchero, meglio se di canna. Ponete il caffe in una ciotola  in freezer e lasciatelo li finché non avrà raggiunto la consistenza desiderata prima di mangiarla mescolatela bene.

Adesso passiamo a dei gusti decisamente più particolari che forse non a tutti piacciono però sono molto estivi!

Granita all’anguria

12614621-rinfrescante-granita-di-anguria1

Per preparare la granita all’anguriaè molto semplice e  non occorre aggiungere zucchero, si surgela una fetta dopo averla tagliata a cubetti in un sacchetto o contenitore per alimenti.Quando sarà congelata, si versano i cubetti di anguria nel frullatore e si aggiunge una piccola quantità di acqua di rubinetto. Frullare fino ad ottenere la consistenza desiderata.

Granita al melone

Togliamo la buccia e tagliamo il melone a cubetti, frulliamolo in un mixer e aggiungiamo mezzo bicchiere o un bicchiere di sciroppo preparato con acqua e zucchero (fatto portando ad ebolillizione l’acqua fino a che lo zucchero non è sciolto) a seconda di quanto melone è ed alla consistenza che volete dargli. Mescoliamo lo sciroppo freddo al melone frullato, versiamo tutto in cubetti di ghiaccio. Una volta congelati frulliamoli in un mixer.

Queste sono solo alcune delle granite che potete preparare e sicuramente se avrete degli ospiti sarà una merenda pomeridiana  o un dopocena  molto gradito.

Provate la vostra preferita e poi ditemi come è venuta o scrivetemi se la fate in altri gusti aspetto i vostri commenti! ;)

 

Mirtilli ottimi per il viso!

Lo sapevate che moltissimi prodotti cosmetici sfruttano le proprietà idratanti e decongestionanti del mirtillo per creme e maschere per il viso? Se avete raccolto parecchi mirtilli nei boschi, dopo averne fatto un abbondante scorpacciata, con quelli avanzati provate a fare qualche maschera in casa. Contro la cuperose e i rossori frullate un cucchiaio di mirtilli con 2 di ricotta fresca e mezzo bicchiere di latte, lasciate in posa per 15 minuti dopo di che risciacquate con acqua tiepida. Per un atirughe frullare 1 tazza di mirtilli,1 tazza di uva rossa senza semi e 2 cucchiai di succo di melagrana, lasciare riposare per 45 minuti in frigo prima di applicare per 15 minuti. Utilizzare questi rimedi sempre dopo l’esposizione solare e su una pelle non irritata.

Bucce di carota… da non buttare!!

Oggi vi voglio parlare delle proprietà delle bucce di carota!

Se acquistate carote biologiche o avete la fortuna di raccoglierle dal vostro orto, non disfatevi della buccia! La buccia di carota grattugiata si può usare sul viso dopo l’esposizione solare, è idratante, levigante e purificante, grazie al betacarotene che l’organismo trasforma in vitamina A. Sbollentatela velocemente unite miele e un cucchiaio di olio extravergine di oliva e lasciate in posa per almeno 10 minuti poi risciacquate   e noterete i miglioramenti alla pelle del viso. La stessa buccia grattuggiata,conservata in freezer, si aggiunge ad altre verdure per il brodo o al dado vegetale. Con le bucce tagliate intere, si creano delle bellissime decorazioni (commestibili) per i vostri piatti!

Gelato il dolce più fresco dell’estate!

Oggi vi parlo di qualche curiosità sul dolce prediletto dell’estate il Gelato!!

Il gelato è la merenda ideale nelle calde giornate della bella stagione,meritato premio a conclusione di una lunga nuotata o di una passeggiata. Niente di meglio di una coppa di gelato, che non solo soddisfa le nostre papille gustative e ci ristora nell’afa dei pomeriggi estivi, ma è anche un alimento nutriente e sano adatto ai giovani sportivi, agli anziani, alle donne in dolce attesa e agli adolescenti nell’età dello sviluppo questo grazie al lattosio e al saccarosio fonti immediate di energia.

La storia del gelato ha origini antiche i primi tentativi sperimentali sono stati di creare delle granite per mezzo della neve, ma a concepire l’idea del gelato vero e proprio fu un tale Ruggeri di Firenze che lo preparò per la prima volta, unendo panna,frutta e zabaione , per le nozze di Caterina de’ Medici ed Enrico d’Orleans nel 1547. Altra figura fondamentale è stato Francesco Procopio dei Coltelli, cuoco siciliano, che perfezionò una macchina inventata da suo nonno che riusciva a produrre il gelato mescolando uniformemente crema,frutta,zucchero e ghiaccio. Grazie a questa macchina fece la sua fortuna, aprendo a Parigi nel 1686 il caffè Procope di cui il re Luigi XIV ne fu entusiasta.

primavera

Oggi la famiglia dei gelati è suddivisa creme e gusti alla frutta , le prime sono realizzate utilizzando una base di latte, zucchero e uovaalla quale si uniscono, incorporando aria per raggiungere la giusta consistenza, cioccolato, vaniglia, nocciole o pistacchio, per citare le più note. Anche i gelati alla frutta possono essere preparati con latte e uova, in questo caso risulteranno più cremosi, ma perchè il prodotto risulti più leggero spesso ci si limita a frutta e zucchero (il cosiddetto sorbetto). Diversa è anche l’energia che apportano: 200 calorie per 100 gr di gelato alla crema( 4g di proteine, 26 di carboidrati, e 9 g di grassi) contro le 120 calorie per la stessa quantità di gelato alla frutta, nel quale sui grassi prevalgono di gran lunga le vitamine. Ma chi è attento alla linea non deve rinunciare al gelato ,anzi lo può sostituire a uno dei pasti principali perchè ricco di vitamine A e B2, calcio,fosforo e di proteine di alto valore biologico(contenute nel latte e nelle uova) facilmente digeribili e assimilabili. Il contenuto lipidico è costituito da grassi di buona qualità che il nosto organismo è capace di consumare rapidamente.

Quella del gelato è una paternità che il mondo ci riconosce a noi Italiani, del resto delle 70 mila gelaterie artigianali presenti nel nostro pianeta la metà si trovano proprio in Italia!

 

Come togliere il trucco!

Ciao oggi voglio darvi qualche consiglio su come rimuovere perfettamente il trucco.

Il detergente non rimuove bene il trucco perché non è fatto per struccare ma per pulire, e se lo usi per struccarti rischi di trascinare il makeup per tutto il viso occludendo i pori e ingrassando la pelle. Ecco perché è importante struccare prima occhi e pelle con un prodotto apposito per rimuovere tutte le tracce di makeup, e solo successivamente detergere la pelle.

Per la Pelle Grassa:
Evita gli struccanti oleosi, pessimi per la pelle grassa: per la tua pelle è perfetta l’acqua struccante, che strucca senza ingrassare l’epidermide.

 

peggy-sage---acqua-struccante-ultradelicata-200-ml

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per la Pelle Mista:
Opta per uno struccante bifasico, composto da una fase acquosa e una fase oleosa; struccherà senza seccare né ingrassare eccessivamente la pelle.

 peggy-sage-struccante-bifase-occhi-125-ml.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Per la Pelle Secca:
Scegli uno struccante oleoso o un buon latte struccante: sono perfetti per struccare con delicatezza la tua pelle secca.

 peggy-sage-latte-detergente-vitaminicod-200-ml.jpg

 

 

 

 

 

 

 

E dopo aver struccato? Inumidisci il viso appena struccato con acqua tiepida e usa una noce di detergente per pulire completamente la pelle, strofinando la pelle con dolcezza fino a formare un poco di schiuma. Poi sciacqua con cura e asciuga la pelle tamponando con una salvietta.

I prodotti elencati in questo articolo li potete trovare qui

Cardamomo una spezia dalle molteplici qualità

Oggi vi voglio parlase di una spezia particolare il cardamomo.Il cardamomo è una pezia profumatissima e fa parte della tradizione orientale,dove si usa moltissimo abbinata sia alla carne che al pesce.Gli arabi invece lo aggiungono al tè e al caffè. Noi occidentali lo usiamo sopratutto per aromatizzare dolci e liquori. Una delle qualità del cardamomo è che cuocendolo insieme alle pietanze le rende più digeribili. Il cardamomo in antichtà era gia usato dagli Egizi per la pulizia dei denti ed è anche ottimo contro l’alitosi sia masticandone i semi che risciacquando la bocca con 4 gocce di olio essenziale sciolto in un bicchiere d’acqua.